La capitale più low cost d’Europa

Tra i miei tanti viaggi in giro per l’Italia e per il nostro caro vecchio continente, pochissime volte – anzi praticamente mai – mi sono imbattuto in una città davvero alla portata, economicamente parlando.
Oggi, infatti, vorrei parlarvi di Varsavia, la capitale della Polonia.
Ovviamente, non sono qui per raccontarvi di quanto sia vivibile ma vi voglio illustrare anche le sue bellezze che, decorate dalla neve, hanno reso il mio breve soggiorno qualcosa di veramente magico.
L’unico “contro” se così si può definire è il freddo! Non avendo altri periodi liberi durante l’anno, sono andato a trovare un mio amico che all’epoca stava facendo Erasmus nella capitale polacca, tra il primo e il quattro dicembre. Pessima scelta? No! In realtà basta coprirsi un po’ e, come dicevo prima, questo periodo è stato meraviglioso proprio per l’atmosfera pre-natalizia che si respirava fra le vie della città con le bancarelle, i dolci, le luci e la neve alta quasi fino alle mie ginocchia.

5 cose che ho visto a Varsavia

1. Plac Zamkowy

Questo nome che apparentemente è impronunciabile, si riferisce in realtà alla Piazza del Castello, dimora antica dei reggenti polacchi. Ad oggi, oltre ad essere un importantissimo luogo storico in cui si conserva la memoria di questo paese, è anche uno dei luoghi di ritrovo di giovani ed adulti poiché vi è una massiccia presenza di bar, locali, ristoranti dove bere o mangiare qualcosa.

Proprio qui, si fa verità ciò che vi dicevo nell’incipit del mio articolo: infatti, poco lontano da dove ho scattato questa fotografia, siamo entrati in un ristorante dove abbiamo mangiato e bevuto a poco meno di 5 euro (circa 24 zloty). Nel menù c’era una zuppa di carne (simile al Gulash ungherese), un panino con un formaggio tipico polacco, una birra media e una salsiccia.

Più o meno si fa una cena di questo tipo (o anche più abbondante) in qualsiasi locale di Varsavia allo stesso prezzo circa. La birra singola, che ho preso dopo aver finito la mia è costata l’equivalente di 1.60 €.

2. Chiesa di S.Martino

A piazza Rynek Starego, adiacente alla nostra piazza Castello, c’è una bellissima chiesa che ho visitato quasi per caso; la prima sera in cui siamo usciti, colti alla sprovvista per un freddo ed una nevicata incredibili, abbiamo deciso di cercare riparo dopo aver mangiato e dunque abbiamo deciso di entrare in questa chiesa in cui, fortuna volle, si stava svolgendo la messa serale. Non vi dico che piacere ascoltare più di mezz’ora di predica in polacco.

Nonostante ciò, però, sono rimasto molto affascinato dai suoi dipinti, dalle sue decorazioni e dal bianco luccicante delle pareti che giocavano un forte contrasto con la colonna dorata raffigurante Gesù Cristo.

3. Il barbacane

Il Barbakan Warszavaski è un’antichissima costruzione risalente alla metà del sedicesimo secolo e il suo obiettivo principale era quello di fare da protezione agli accessi della città vecchia, come d’altronde, accadeva in ogni importante capitale europea.

Una volta attraversato il barbacane, la città vecchia ci accolto “calorosamente” – si fa per dire dato che eravamo a -12° – e, personalmente, mi sono sentito come se fossi solo in un villaggio sperduto, in un luogo antico lontano dalla modernità, paragonabile ad un paesaggio fiabesco.
La foto qui sotto vi farà capire.

4. Łazienki Królewskie

Il parco Lazienki è uno fra i migliori spazi naturali che abbia visto in questi anni e vi assicuro che vederlo con la neve è stato un plus non da poco. All’interno del parco, costruito come lo conosciamo ora dal re Stanislao Augusto Poniatowski ha una serie di bellissimi monumenti ed edifici che lo rendono molto..”regale” – consentitemi il termine fra cui il Tempio di Diana, il palazzo sull’acqua ed il palazzo Mysleviky. L’ingresso è completamente gratuito.

5. Lo zoo cittadino

Pur essendo pieno inverno e quindi ben sapendo che sarebbero stati pochi gli animali che avrei potuto vedere, abbiamo deciso lo stesso di visitare lo zoo della città (uno dei più grandi d’Europa) pagando una tariffa di circa 3 euro a testa.
All’interno di questo parco c’erano zebre, ippopotami, alligatori ma anche tigri, leoni, foche e uccelli. Vi faccio vedere qualche immagine.

Girare e vivere a Varsavia è semplice e alla portata di tutti. E’ un città assolutamente pulita, gli abitanti sono di un’educazione che raramente ho trovato da noi e i mezzi sono puntuali e con puntuali intendo che spaccano il secondo. Varsavia ha anche una linea di metropolitana, tutte molto ben collegate fra loro, il cui biglietto vale 20 minuti e costa circa 0,30 €.

Se volete mangiare un pasto caldo e assaggiare qualcosa di tipico, per la città vi sono numerosissimi fast food della pasta in cui potreste gustare i Pierogi, molto simili ai nostri ravioli e ripieni con formaggio e prosciutto.
Una sera noi siamo andati in uno di questi posti e spendendo la bellezza di 2.10 € TOTALI ho mangiato questi due piatti, il primo conteneva delle polpette di verdure e prosciutto e il secondo i nostri pierogi polacchi.

Vicino alla stazione, ho avuto la fortuna di trovare anche molte bancarelle in cui vendevano Krapfen alla cifra di 0.90 ZLOTY e se contate che cinque ZLOTY valgono un euro, fate un calcolo approssimativo: ebbene si, meno di 0,20 centesimi. Ed era una delizia. Varsavia ha anche una grandissima vita notturna: per i più giovani e non solo infatti, il prezzo d’ingresso delle discoteche + guardaroba + drink (in quella dove sono andato io mi hanno dato anche i waffle alle 2.00) è di circa 5 €, cosa che da noi per tutti questi servizi non saresti uscito svuotato di almeno 20/25 euro.

Che dire, vi lascio con il mio solito augurio. Spero che il mio articolo vi sia piaciuto e che possiate andarci presto!
Fatemi sapere chi di voi ci è stato!!

Consigliato

Classificazione: 5 su 5.

56 pensieri riguardo “La capitale più low cost d’Europa

  1. grazie a te per esser passato! Cracovia teoricamente sarebbe la mia prossima meta :)

    "Mi piace"

  2. Molto bella! Io sono stato a Cracovia, che mi è piaciuta molto e – ovviamente – la nostra guida era molto di parte (pare che tra Varsavia e Cracovia ci sia un po’ di animosità…), ma Varsavia mi sembra incantevole, forse più simile a Praga (nel senso che alcune atmosfere mi sembrano le stesse), che è una città che mi piace moltissimo. Mi hai fatto venire voglia di andarci, grazie!

    "Mi piace"

  3. Ma come hai scritto te, mica sempre è negativo. A volte i climi estremi ti fanno apprezzare cose diverse!

    "Mi piace"

  4. Va benissimo grazie, anche io ovviamente ti seguo! Varsavia è bellissima, io l’ho vista con la neve a – 12 gradi.

    "Mi piace"

  5. Varsavia e anche Cracovia sarebbero tra le mie prossime mete, ma chissà quando potremo tornare a viaggiare! In compenso seguirò il tuo blog perché mi sembra abbia degli spunti interessanti!

    "Mi piace"

  6. Grazie Luisa! Bellissima sotto la neve ma qualche grado in più non avrebbe fatto sicuramente male :)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close