Bagolino, un giorno di relax

Oggi voglio parlarvi di un posto a cui sono particolarmente legato, il paese di Bagolino situato in provincia di Brescia, precisamente nella Valle Sabbia, a due passi dal confine con il Trentino.
Questa realtà offre un paesaggio mozzafiato e la possibilità di intraprendere numerosi percorsi di trekking.
Una meta perfetta, insomma, per gli amanti della fotografia, delle passeggiate e, soprattutto, della montagna.

Vediamo nel dettaglio tutto ciò che questo magnifico borgo può regalare:

  1. Il monte Maniva
    Prima di arrivare a Bagolino, a chi arriva da Brescia consiglio di fermarsi qui per una “pausa caffè”.
    Infatti, in cima all’omonimo passo, all’altezza di circa 1600 m, potrete trovare numerosi chalet che fungono da bar e ristoranti e che permettono di gustarsi qualcosa di caldo godendo di aria pulita e un panorama incredibile.
    D’inverno, il Maniva è una delle località sciistiche più rinomate ma, io, ahimè, non so sciare perciò mi limiterò a bere un buon bombardino ascoltando il rumore del vento.

2. Le tradizioni locali:
Il paese di Bagolino è noto per i suoi sapori tipici fra cui il Bagoss, un formaggio locale la cui origine stessa va a collocarsi oltre 500 anni fa, i malfatti, un primo piatto a base di spinaci servito con burro e parmigiano e lo zucchero amaro, una zolletta che si consuma come una caramella o sciolta nell’acqua con una tisana.
Accanto alle bontà culinarie troviamo anche alcune tradizioni storiche come il carnevale dei “mascher” risalente al XVI secolo in cui vi sono i “Bälärì” (i Ballerini), i “Sonädùr” (i Suonatori) e, appunto, i “Màscär” (le Maschere) che danno vita ad uno spettacolo di coreografie e danze che rendono questa festa un incredibile attrattiva non solo per i Bagolinesi ma anche per tutti coloro che amano queste tradizioni.
A settembre, da non perdere la transumanza (per chi non lo sapesse rappresenta la migrazione stagionale delle vacche e dei buoi dai pascoli situati verso le zone montuose presso quelli in aree pianeggianti) durante cui, appunto, questi animali percorrono da cima a fondo il borgo della provincia di Brescia fino a raggiungere la loro “casa temporanea” in bassa quota.

3. La Pineta
Alla “base” del paese di Bagolino c’è la pineta, un parco “naturale” in cui poter fare picnic o, semplicemente, rilassarsi in mezzo alla natura godendo della vista delle montagne circostanti.
Un oasi verde in mezzo al verde in cui sono presenti anche le vacche ed i buoi scesi dal pascolo per la stagione.
All’interno della Pineta è presente anche un bar dove poter bere o mangiare, qualora non foste amanti del cibo all’aria aperta.

4. Passeggiata in Gaver
Uno dei miei posti preferiti di Bagolino è la località Gaver in cui ho dei bellissimi ricordi di alcune estati passate.
Nota per le sue piste da sci, il Gaver, che fa parte del meraviglioso parco dell’Adamello è anche meta per gli appassionati di trekking.
Infatti, dalla sua base, collocata fra i comuni di Bagolino e quelli di Borno, si dipartono numerosi percorsi per tutti i livelli, dal principiante all’esperto come quello che porta, ad esempio, al passo Blumone, al lago della Vacca o ai laghetti di Bruffione.
Se volete approfondire vi consiglio questo sito, completo ed interessante: https://www.sentieridimontagna.it/


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close